sabato 29 aprile 2017

SABATO 13 MAGGIO 2° MINITRAIL FORTE GAZZERA

MANCANO DUE SETTIMANE ALL'APPUNTAMENTO CON IL 2° MINITRAIL FORTE GAZZERA. NON PERDETE L'OCCASIONE DI FAR DIVERTIRE I VOSTRI BAMBINI CON UNA CORSA IN NATURA NELLA SPLENDIDA CORNICE DEL FORTE DELLA GAZZERA. VI ASPETTIAMO!!!





giovedì 27 aprile 2017

MINI TRAIL

mail
Newsletter 27 Aprile 2017
Ciao Marini M,

sembra passata una vita dall'ultimo minitrail eppure non sono trascorsi nemmeno 20 giorni. Chissà perché? Forse perché siamo tutti stati contagiati da una strana forma di "miniTrail-mania"?  :-)

Se avete voglia di rivivere quei momenti, o per chi non c'era:
FOTO - Gianni Sandonà - Fotoclub Padova
FOTO - Barbara Bellucco
FOTO - Laura Failla
FOTO - Elisa Rossetto
Ma soprattutto, udite udite, eccoci pronti con un nuovo minitrail.
 

MiniTrail di Selvazzano Dentro (Pd)


picture

Nuovissimo!
Una novità assoluta nel nostro calendario, una nuova e comodissima "location", quella dei campi sportivi Ceron di Selvazzano D., per andare alla scoperta di un antico e poco valorizzato paesaggio, quello delle anse sinuose del fiume Bacchiglione!

E allora forza, sotto con le iscrizioni, ma per piacere compilate il modulo entro VENERDì sera, per darci il tempo di preparare le liste:

SCHEDA di ISCRIZIONE.

***DOMENICA 30 APRILE 2017

Selvazzano Dentro (Pd)
Presso i campi sportivi "A. Ceron" e le golene del fiume Bacchiglione
Via Euganea, 29

ore 10.00 (ritrovo 9.00)

percorso unico:
circa 3 km pianeggiante
in ambiente naturale lungo il fiume Bacchiglione
per bambini da 0 a 12 anni
e ragazzi fino ai 17 anni

iscrizione gratuita per i bambini e ragazzi, solo quota assicurativa per genitori o accompagnatori (0,50 €)


Vi aspettiamo numerosi!!!

Per chi vuole scaricare e condividere c'è anche il VOLANTINO.



 
--
Seguici su Fb www.minitrail.it | Contattacimessage
--

martedì 11 aprile 2017

100 MIGLIA DELL'ISTRIA



Dopo il tor si riparte. Il tor come sparti acque, il prima e il dopo.
Il dopo sono le 100 miglia dell'Istria, gara dura per il suo percorso ingannevole, facile e difficile in un'alternanza complicata.
Duro per le sue pietre piantate nel terreno.
Duro per le sue vette , non alte ma aspre.
Duro per i suoi rettilinei senza fine , lunghi, infiniti, snervanti per la tua testa
Duro per le sue discese tecniche che vanno giù in picchiata , senza pause.

Dicevo il tor come sparti acque, tor che lascia il segno, al fisico, alla testa.
Dopo di lui tutto sembra facile, ma facile non è.  Ogni gara va rispettata , va vissuta, va temuta e preparata.
Le 100 miglia gara che non so definire.
Bella , spettacolare in alcuni punti , brutta e noiosa in altri, per questa difficile da decifrare e da affrontare.

Quando sei stanco ,stanco nel corpo e sopratutto nella mente,il paesaggio ti prende a braccetto , ti aiuta , ti prende per mano  e ti accompagna nel tuo andare. Istria è stato questo nella prima parte nei primi 90 km,  meno nella seconda parte, quando i km aumentavano e i lunghi rettilinei mettevano a dura prova la tua testa mentre le tue gambe cercavano un ritmo accettabile.

Forse è questo il fascino di questa corsa, ti sorprende , cambia come un camaleonte.
Il piano in alcuni tratti sparisce all'improvviso per salite verticali e discese complicate , per poi ritornare a confondere la tua mente e martellare la tua resistenza.
Il viaggio è stato un viaggio, con i miei amici Alberto e Massimo ,con i quali oramai condivido tanto, ci conosciamo, ci capiamo, ci aiutiamo.

Ho scoperto terre e posti che hanno qualcosa da dire , da raccontare. Ho trovato paesi arroccati in cima , che al momento maledici nella tua salita , ma dopo ti regalano una bellezza da raccontare e ritrovare.
Ho trovato volontari sorridenti e disponibile, semnpre pronti ad aiutarti.
La nostra gara è finita dopo 38ore, sotto l'arco io Massimo e Alberto, si anche Alberto anche se la sua gara si era fermata al 90 per una maledetta notte che ha fiaccato la sua resistenza...all'arrivo c'era anche lui ad aspettarci , il primo a congratularsi il primo ad incitarsi.... e queste sono cose e gesti da ricordare.

Questa volta la birra non c'era... pazienza forse qui non si usa, ma per noi c'era e ci sarà sempre.... alla prossima


Massimiliano Tebaldi



lunedì 10 aprile 2017

7/9 aprile 2017 - 100 MIGLIA DELL’ISTRIA



Quest’anno abbiamo deciso di correre all’estero, e visto che il motto coniato per il 2017 è “basta gare lunghe”, ci siamo iscritti alla 100 Miglia dell’Istria, corsetta da 171 Km e 7000 m D+, un bel coast to coast da Labin a Umago.

L’appuntamento è importante, questa gara mi intriga parecchio, però nello stesso tempo mi intimorisce.... durante questi mesi di preparazione i dubbi sono stati molti, gara troppo lunga ad inizio stagione, pochi lunghi sulle gambe, percorso che da l’idea di essere corribile, caratteristica che non mi piace per niente, però alla fine, come sempre, la sconsideratezza prevale sulla ragione e quindi si va!!!

L’approccio alla perduta terra d’Istria non è proprio dei migliori, fila mostruosa alla frontiera tra Slovenia e Croazia, un ora e mezza fermi in coda, conseguenza…. battuti tutti i record…. parcheggiata la macchina selvaggiamente sul marciapiedi, espletata la procedura di controllo materiali e ritiro pettorale, consegnate le sacche, cambio del vestiario, preparato lo zaino, parcheggiata la macchina civilmente e supplicato gli organizzatori per aspettarci con la navetta per andare alla partenza…. il tutto in 30’ netti, neanche il Capitano Kirk di Star Trek con il teletrasporto avrebbe potuto fare meglio!!!

Ansia ritiro pettorale a parte, finalmente si inizia a correre, adesso l’unico obiettivo e arrivare alla fine e goderci questo ennesimo viaggio!!! Il terreno non è facile, perlomeno nella prima metà gara, il fondo alterna sfasciumi di roccia carsica, fogliame e radici affioranti e lunghi tratti di strada poderale, mix che mette a dura prova testa e gambe. I paesaggi però sono mozzafiato, vedere dall’alto il mare al tramonto che “entra” all’interno della costa è impagabile.

Ormai sono entrato in modalità trail, ho messo in conto che la fatica e il sudore mi accompagneranno per parecchie ore, però sono in buona compagnia…. sono sempre con me i miei compagni d’avventura, gli amici fidati Massi e Alberto, con Loro condivido questa passione che ci accomuna e che ci ha fatto stringere un legame particolare!!!

Arriva la prima notte, correre di notte mi affascina, la notte crea sempre una atmosfera particolare che enfatizza i sensi, nasconde quello che ti circonda e mi assorbe completamente…. il cielo è limpidissimo e splende una luna quasi abbagliante, tanto che in alcuni punti si potrebbe spegnere la frontale!!!

Il percorso è impegnativo ma scorrevole…. l’aria è fredda e ghiaccia il sudore sul viso, il ritmo è sempre lo stesso…. un passo dopo l’altro, un ristoro dopo l’altro…. i ristori sono diventati il punto di confine tra i chilometri fatti e quelli che restano da fare, il prossimo ristoro diventa il prossimo obiettivo da raggiungere e questo gioco aiuta la testa ad affrontare la fatica, questo alternarsi di pause e movimento diventa quasi automatico!!!

90° Km, base vita, superata la metà gara…. adesso viene la parte difficile da affrontare, mancano ancora 80 Km e su un percorso piuttosto veloce con poco dislivello. Purtroppo Alberto si ferma, una nottata non proprio delle migliori lo fa decidere saggiamente di non rischiare.

Devo dire che uscire dalla base vita non è stato facile, sole a picco, caldo da paura, il pensiero di dover affrontare ancora tanta strada, ma visto che non sono venuto in Istria per pettinare il collo alle giraffe, richiamo il mio unico neurone assopito all’ordine, e riparto…. dopo qualche minuto sono di nuovo in modalità trail, riprendo il mio ritmo senza strafare, tanto di sicuro non ho ambizioni di podio!!!

Il percorso è abbastanza monotono, lunghi tratti di strada poderale interrotti da qualche salitina…. ogni tanto l’ingresso in una borgate medioevale ti risveglia dal torpore del tuo andare costante…. vedere la gente che ti guarda allucinata il sabato sera mentre si rilassa seduta al tavolo di un ristorante, con una magnifica veduta su una vallata al tramonto, ti fa ritornare in mente la solita domandina…. ma chi caxxo me lo ha fatto fare…. purtroppo alla domandina ricorrente non ho ancora dato una risposta, ecco perché sono qua a far fatica come un pirla!!!

Il viaggio continua e inizia anche la seconda notte, il buio ti riavvolge di nuovo, la stanchezza inizia a farsi sentire, i piedi reclamano un po’ di sosta, ma è la mente che comanda e ti dice che devi continuare, perchè vuoi a tutti i costi raggiungere il traguardo, vuoi a tutti i costi concludere questa gara che hai affrontato quasi per gioco, con leggerezza, e adesso ti sta presentando il conto!!!

I volontari che trovo ai vari ristori sono fantastici, cercano in tutti i modi di metterti a tuo agio, alcuni parlano in italiano, altri no, ma comunque riusciamo sempre a capirci, anche quando sul tavolo trovi una bottiglia di “rakija” al posto dell’acqua, una sorta di grappa Croata, e rischi di fare una ripartenza a razzo!!!

Finalmente l’ultimo ristoro a Guia, segno che ormai l’arrivo è vicino, mancano 13 Km, praticamente tutti in piano, da fare tutti d’un fiato…. o quasi…. inizia ad albeggiare sono ormai quasi passate 38 ore dal momento della partenza, 38 ore di completo distacco dalla vita di tutti i giorni, dai ritmi normali, dalle cose che sei abituato a fare quasi automaticamente…. in lontananza si intravedono le case di Umago, finalmente il traguardo…. con Massimiliano passiamo assieme sotto allo striscione dell’arrivo…. Alberto ci è venuto incontro…. una grande gioia nel vederlo e nello stesso tempo una grande amarezza perché non siamo riusciti ad arrivare tutti e tre assieme al traguardo!!!

L’avventura si chiude qua…. mi consegnano la medaglia da finisher, finisher di questa 100 miglia dell’Istria, finisher di questo viaggio che mi sembra durato una vita…. la modalità trail si spegne in automatico, tutto finito, la fatica, il sudore, i momenti di allegria e di sconforto con gli amici compagni di gara, si ritorna alla vita normale…. basta gare lunghe…. per adesso!!!

Massimo Marini 


martedì 4 aprile 2017

MINI TRAIL

Ma è già ora di mini e JuniorTCE???


picture

ASSOLUTAMENTE Sì.
Pochi giorni ci separano dall'evento minitrail più atteso dell'anno.
Eh sì perché, senza nulla togliere a tutti gli altri, qua siamo all'università del minitrail!
Dove tutto è nato (il primo minitrail della storia e la prima junior trail) e dove è stato anche registrato il record di partecipazione, con 174 bambini e ragazzi di corsa!

E allora, vogliamo batterlo questo primato?

Medaglie? Ce n'è!
Panini, pure...

Non rimane che iscriversi:
ecco il LINK per la SCHEDA di ISCRIZIONE.

***

Domenica 9 aprile 
in occasione della Traversata dei Colli Euganei (TCE)
a Villa di Teolo (Pd)
Presso il Centro Parrocchiale
 
ore 9.45 Junior TCE
4,5 km 160 m+
per ragazzi da 13 a 17 anni
e bambini dai 10 anni esperti!
 
ore 10.00 mini TCE
2,5 km 80 m+
per bambini da 0 a 12 anni
 
Iscrizione gratuita per bambini e ragazzi, solo quota assicurativa per eventuali genitori o accompagnatori (0,50 €)
 


Vi aspettiamo numerosi!!!

Per chi vuole scaricare e condividere c'è anche il VOLANTINO.

lunedì 3 aprile 2017

SAUCONY PEREGRINE 7


Oggi il nostro tester ufficiale, Gianluca “Gaggio” Gaggioli, ci racconta della sua esperienza con la nuova Saucony Peregrine 7.

Ad un primo sguardo, si potrebbe pensare che questa 7ima versione della Peregrine non sia poi tanto differente dalla precedente. L’intersuola e la suola sembrano le stesse, le modifiche alla tomaia cosa vuoi possano influire?  Viene da dubitare sia questione di “solo merchandising…”




Saucony Peregrine 7 – anche la tomaia è cambiata

Ma questo pensiero – a volte veritiero – è molto lontano dalla realtà, in questo caso.
Perché anche la tomaia, al di là dell’estetica, è cambiata, e di parecchio. Adesso è più “rigida” e contenitiva, grazie all’adozione di una struttura in TPU che la ricopre, come fosse un vero e proprio esoscheletro, che include anche la conchiglia del puntale, rigida ma non tanto protettiva. La calzata, alla prima prova, risulta quasi stretta, intorno all’alluce; ma è solo questione di correrci pochi km, che si ammorbidisce, e tenere questa scarpa al piede risulta confortevole.
L’adozione di una conchiglia esterna in materiale plastico, rigido, al contrafforte tallonare, rende la tenuta molto molto tenace. 



Saucony Peregrine 7 – trazione ottima su fondi duri e friabili, meno su fondi bagnati


La suola resta la stessa del modello precedente, e così pure la superficie della la pianta d’appoggio, un pelo più larga – all’avampiede – rispetto alla maggior parte delle scarpe da trail di categoria performance. Trazione ottima su fondi duri e friabili, meno su fondi bagnati, male su fondi fangosi, dove incide negativamente il fatto che la terra bagnata si incolla tra tasselli, e se ne liberi difficilmente, annullandone la capacità di “mordere” il fondo.

Saucony Peregrine 7 – la terra bagnata si incolla tra tasselli

Saucony Peregrine 7 – passo più reattivo

Anche l’intersuola appare la stessa – stesse misure, altezza al tallone 21.5, altezza all’avampiede 17.5– ma al suo interno è stato inserito un ulteriore inserto di gomma Everun, che non è più limitato alla sola zona del crashpad posteriore, ma è un vero e proprio cuscino, posto proprio sotto al piede, esteso per tutta la lunghezza dell’intersuola.
A che pro? a migliorare la capacità di assorbimento del fondo e rendere allo stesso tempo il passo più reattivo, restituendo molta dell’energia impressa nel passo; come dichiarato dagli ingegneri Saucony.
Questo dovrebbe rendere la Peregrine 7 una scarpa molto efficiente, specialmente per chi ha un passo con rullata tacco-punta.
Difficile verificare e misurare i miglioramenti di prestazione della scarpa conseguenti a questa modifica strutturale, rispetto alla precedente versione.





Saucony Peregrine 7 – prove di corsa

Comunque, provando a correre su sentieri facili senza dislivello, adottando diversi ritmi, è parso di avere una migliore efficienza della scarpa procedendo a ritmi elevati, sotto i 5’/km, forse proprio perché a questa velocità si può sfruttare meglio le capacità di rebound della gomma; mentre la scarpa diventava un po più pesante e lenta in risposta a ritmi lenti, sopra i 5’30km.
Comunque, al di là delle prestazioni, possiamo già accontentarci del fatto che ci sia uno strato di ammortizzazione in più, a proteggere il piede e rendere la corsa più confortevole.
Cosa che, unita alla presenza di un rockplate sotto le dita del piede (anche il rockplate ha bisogno di qualche km per “ammorbidirsi”) rende questa scarpa molto confortevole sui fondi più dissestati, ben ammortizzante al tallone in fase di appoggio (quindi bene in discsa), senza rinunciare a essere flessibile all’avampiede, riuscendo a “copiare” bene il profilo del fondo, offrendo una sicura “presa” d’appoggio (di nuovo, bene in discesa).

Pro

Calzata tenace, confort di marcia

Contro

Grip sul bagnato, non scarica il fango; puntale poco protettivo per una scarpa da velocità.

Per chi è

Soprattutto atleti di peso normale o leggero, performanti, “muscolari”, che cercano una scarpa per corsa a ritmi veloci.

Per cosa è

Brevi e lunghe distanze su percorsi veloci, o con molto dislivello, in condizioni asciutte.


Saucony Peregrine 7 – una scarpa da corsa, non da camminata

Considerazioni finali

Una scarpa da trail running che sulle prime risulta quasi “antipatica”, per la sua rigidità generale, ma una volta rodata, risulta comoda, e ci si può fare affidamento: in discesa, alla prime luci del mattino, col sole contro, basso, la cui luce veniva riflessa dal fondo bianco/argenteo, (senza occhiali da sole), impossibile pre-vedere il sentiero… mi son lanciato alla cieca, e sono arrivato in fondo (dopo ben 2km..) senza mai accusare momenti di incertezza.
Il suo forte è la capacità di accompagnare la spinta in salita, e l’appoggio in discesa, sia si punti il fondo col tallone, che con l’avampiede.
Una scarpa che rende al meglio se si può “pigiare” bene; ci si può fare anche una 100km trail, se si è in grado ci farla a un ottimo ritmo. E’ una scarpa da corsa, non da camminata.


Fonte: MudandSnow






CORSA IN MONTAGNA, TRAIL RUNNING E SKYRUNNING… FACCIAMO CHIAREZZA


Negli ultimi anni hanno preso piede molte discipline della corsa che si svolgono in ambiente montano o comunque a contatto con la natura.
Dopo anni di corsa su strada anche il sottoscritto è rimasto affascinato da questa realtà. La possibilità di correre immerso nella natura, mi dà la possibilità di sentirmi parte di essa e il continuo cambio di paesaggio crea sempre nuovi stimoli durante la corsa; l’ambiente circostante attira la mia attenzione a tal punto da farmi sentire meno anche la fatica.


  
Queste attività hanno radici molto lontane: noi ora lo facciamo per passione, ma in passato erano frutto di esigenze quotidiane. Mio padre mi ha raccontato diverse volte che da ragazzino, abitando su una montagna, seppur cittadina (con un’altezza di circa 800m), doveva salire e scendere più volte al giorno per raggiungere la città e svolgere le normali mansioni quotidiane, come recarsi a scuola o andare al mercato. Se 60 anni fa qualcuno gli avesse detto che questo continuo salire e scendere sarebbe poi diventato uno sport, probabilmente si sarebbe fatto una risata (tra l’altro sulla montagna dove è cresciuto vengono organizzate varie gare).
La cosa che però all’inizio mi ha lasciato un po’ frastornato è stata la poca chiarezza inerente a queste discipline. Incontravo gente che mi diceva: “io sono un trail runner“, altri che si definivano skyrunner ma a me sembrava invece che semplicemente corressero tutti in montagna…
Poi, frequentando e vivendo questo mondo ho colto le sottili differenze:




La Corsa in Montagna, in Italia è gestita e regolamentata dalla FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e nel mondo dal IAAF (International Association of Athletics Federetions). Si svolge in ambiente montano con brevi tratti asfaltati che non devono superare il 20% della lunghezza totale, la quota massima non deve superare i 3.ooo metri di altitudine e la pendenza media deve essere compresa tra il  5 e il 20% . Da regolamento tutto il percorso deve sottostare a determinati requisiti di sicurezza.




Lo Skyrunning in Italia è gestito dalla FISKY (Federazione Italiana Skyrunning) e nel mondo dalla ISF (International Skyrunning Federation). Si svolge anch’esso in ambiente montano con brevi tratti asfaltati che non devono superare il 15% della lunghezza totale, ma in questo caso la quota massima può superare anche i 4.000 metri. I percorsi sono più tecnici e impegnativi, persino passaggi attrezzati con corde fisse o catene, le pendenze sono maggiori e ci si può avvalere dell’utilizzo dei bastoncini durante le salite più impegnative; in ogni caso il percorso non deve però superare il secondo grado di difficoltà alpinistica. Le gare sono divise in 4 discipline: Vertical, Skyrace, Ultra e da quest’anno anche le Extreme.

  
Il Trail Running è un tipo di corsa che si pratica su sentieri sterrati o mulattiere, con percorsi meno impegnativi rispetto allo Skyrunning, ma che apre le porte anche ad altri ambienti che non sono solo alpini.  Si svolgono gare anche in luoghi che hanno caratteristiche più collinari, di pianura o addirittura desertiche. Durante il 50° Congresso IAAF tenutosi a Pechino nell’agosto 2015, il trail running è stato riconosciuto come disciplina dell’atletica leggera (quindi in Italia regolamentato dalla FIDAL).  Queste gare negli ultimi anni stanno aumentando notevolmente il loro chilometraggio, come ad esempio la famosa Lavaredo Ultra Trail con i suoi 118km e 5.850 metri di dislivello.



Consiglio a chi vuole cimentarsi in questo tipo di corse (a prescindere dalla specialità scelta), di iniziare scegliendo una calzatura adeguata (ormai fanno scarpe categoria A5 Trail Running per tutte le esigenze, gusti e prezzi). Scegliere i percorsi in maniera graduale, sia per quanto riguarda la lunghezza che il dislivello, ma anche sulla base dell’aspetto tecnico. Svolgere questa attività nella condizione di massima sicurezza possibile, preferibilmente in compagnia di qualcuno e se non è possibile, almeno avvalendosi dell’ausilio di un telefono cellulare o un localizzatore gps, in modo da poter contattare tempestivamente un soccorso in caso di urgenza ed essere rintracciati anche se ci si trova in un luogo remoto. Cosa non meno importante, rispettare la natura che ci circonda ed affrontare la montagna con consapevolezza e rispetto.

Fonte:  Nonsolotrail.it




mercoledì 29 marzo 2017

MINITRAIL



mail
Newsletter 28 Marzo 2017
Ciao Marini M,
dopo il successone di domenica scorsa, a Rivadolmo di Baone, due appuntamenti miniTrail da segnare decisamente in agenda.

Ma prima uno sguardo alle foto del miniTrail di Fine Inverno!

- Le foto di Barbara Bellucco
- Le foto di Elisa Rossetto
- Le foto di Massimo Toniolo
- Le foto varie dello Staff miniTrail

E ora veniamo ai due appuntamenti.
 

La Corsa di Colle Fatato al Parco Treves - Padova


Il PRIMO APPUNTAMENTO è collegato al Libro La Corsa di Colle Fatato, di Laura Walter e illustrato da Matteo Grassi (ed. Spirito Trail).

In collaborazione con la LIBRERIA PEL DI CAROTA organizziamo al parco Treves de' Bonfili un evento per promuovere il libro e soprattutto il minitrail.
Sarà un'occasione per entrare nel mondo della fantasia accompagnati da Laura e attraverso una selezione di letture lungo i sentieri del parco...
Che poi ripercorreremo di corsa!

L'evento è particolarmente indicato ai bambini fino ai 12 anni.

Vedi evento facebbok: https://www.facebook.com/events/837944543022965/

 
picture


Domenica 2 aprile
dalle ore 15:15 alle ore 17:00

Parco Treves de' Bonfili 
ingresso via B. d'Alviano (laterale piazzale Pontecorvo) - Padova

Ingresso LIBERO


mini+Junir TCE

Qual è il secondo appuntamento?
Ma è ovviamente la Traversata dei Colli Euganei con i suoi imperdibili mini e Junior trail...

picture

Domenica 9 aprile

Villa di Teolo (Pd)
Presso il Centro Parrocchiale

ore 9.40 Junior TCE
4,5 km 160 m+
per ragazzi da 13 a 17 anni
e bambini dai 10 anni esperti!

ore 9.50 mini TCE
2,5 km 80 m+
per bambini da 0 a 12 anni

Iscrizione gratuita per i bambini e ragazzi, solo quota assicurativa per eventuali genitori o accompagnatori (0,50 €)

- MODULO DI ISCRIZIONE ONLINE - LINK
- MAPPA PERCORSI -

Vi aspettiamo numerosi !!!

--
Seguici su Fb www.minitrail.it | Contattacimessage

venerdì 24 marzo 2017

Il Progressivo





Avrei potuto intitolare questo post anche “come evitare i cali nei finali di gara”; infatti il Progressivo è lo stimolo principale che allena proprio questa qualità! Se molti runner hanno dei cali negli ultimi Km (pur impostando un ritmo gara corretto) allora probabilmente gli serve qualche “progressivo” per colmare questo tipo di lacuna. In questo post vi spiegheremo come si struttura un progressivo e come lo si inserisce in un programma di allenamento per gare di lunghezza che arrivano fino ai 21 Km; non solo, spiegheremo anche in maniera chiara a tutti il vantaggio fisiologico nell’utilizzo di questo tipo di allenamento.

LE RAGIONI FISIOLOGICHE DEL PROGRESSIVO

Nell’articolo dedicato al metabolismo energetico dei carboidrati, abbiamo visto come elevate intensità e/o lunghe durate possono far calare le concentrazioni di glicogeno (che è il carburante di prima qualità nei muscoli) facendo insorgere la fatica; le condizioni che si verificano nei finali di gara sono proprio queste, cioè la necessità di mantenere un ritmo elevato malgrado l’insorgenza della fatica.
Quando cala il Glicogeno muscolare cala, il muscolo per mantenere andature medio-alte tende ad utilizzare in proporzioni elevate anche glucosio (proveniente dal sangue) e lattato (proveniente da fibre muscolari adiacenti); man mano che il glicogeno cala, l’organismo deve avere la capacità di sfruttare al meglio il glucosio e il lattato.


Le ultime ricerche scientifiche relative alla fatica hanno permesso di comprendere come questo effetto allenante non avvenga solamente a livello del metabolismo muscolare (vedi immagine sopra), ma coinvolga l’intera unità psicofisicaorganicabiomeccanica ed ormonale del soggetto. A chi volesse approfondire ulteriormente l’argomento, consiglio di leggere il libro di Luca Speciani e Pietro Trabucchi intitolato Mente e Maratona.

COME PROGRAMMARE UN PROGRESSIVO

Abbiamo appena visto che questa tipologia di allenamenti (cioè di correre in progressione) allena l’organismo a sfruttare al meglio le risorse psico-fisiche disponibili nel finale di una corsa, evitando  (o limitando al minimo) il calo di intensità. Andiamo ora a vedere quali sono i parametri che lo definiscono in relazione alla preparazione di gare delle lunghezza di 10-21 Km.
·                LUNGHEZZA TOTALE DELL’ALLENAMENTO: a seconda del periodo della stagione, si consigliano 12-18 Km per la maratonina e 9-15 km per la preparazione di gare di 10 Km.
·                LUNGHEZZA E RITMI DELLE FRAZIONI: solitamente si divide in 3 parti che si succedono senza soluzione di continuità: il 50% di Corsa Lenta, il 25-35% di Corsa Media e il 15-25% al Ritmo gara (o Corto Veloce). Il ritmo gara sarà ovviamente quello della maratonina (per chi sta preparando una maratonina) o quello dei 10 Km se si sta preparando un 10000m. Per vedere a quanto corrispondono le intensità di corsa Lenta e Media, è sufficiente leggere la tabella sotto, tratta dal nostro post sulle Corse continue.
·                GIORNI DI RECUPERO NECESSARI: per questo dato si intendono i giorni dopo i quali è possibile seguire un altro allenamento di carico impegnativo. Solitamente è di 1 giorno ogni 6-9 Km di Progressivo (a seconda del livello di allenamento). Ovviamente non è un mezzo particolarmente stressante (come le ripetute lunghe) in quanto la parte impegnativa è solamente nella seconda fase dell’allenamento.

 

    
Ma qual è l’importanza di questo all’interno della preparazione per gare su strada? Partiamo dal presupposto che il Progressivo è un allenamento per la Capacità di Gara, cioè finalizzato al miglioramento della capacità dell’organismo di tenere il ritmo gara fino alla fine della competizione. È quindi un mezzo fondamentale, insieme agli allenamenti per la Velocità di gara, cioè quelli (ad esempio le ripetute o allenamenti di velocizzazione) che permettono di elevare il ritmo medio che si tiene in una competizione. Infatti non ha senso avere una velocità di gara elevata senza la capacità di mantenerla a lungo….e viceversa.
È ovvio che il Progressivo sia l’allenamento principale per la maratonina, proprio perché in questo tipo di competizioni è fondamentale il mantenimento di una velocità di poco inferiore a quella dei 10 Km (10-20”/Km in più), ma per una distanza pari al doppio. Sarà invece un allenamento complementare per i 10 Km in quanto il calo prestativo in questo tipo di competizioni (se si imposta correttamente il ritmo gara) può avvenire solamente negli ultimi Km.


Per quanto riguarda la maratona invece il discorso è più complesso, soprattutto per gli amatori; infatti, come abbiamo visto nell’ultimo post dedicato alla maratona, gli elementi principali da tenere in considerazione quando si prepara questo tipo di gara sono il chilometraggio totale e la velocità media degli allenamenti. Il progressivo classico, finirebbe ad una velocità superiore a quella della maratona, quindi non sarebbe considerato un mezzo per la capacità di gara, ma per la velocità di gara, quindi complementare, rispetto ad altri allenamenti più importanti come i lunghi e gli allenamenti a ritmo maratona.

VARIANTI DEL PROGRESSIVO

Le varianti di questo mezzo solitamente vengono introdotte per:
·                Allenare anche le capacità neuromuscolari
·                Renderlo più semplice e motivante (meno noioso)
·                Inserire più tratti a ritmo gara (diventando anche allenante per la velocità di gara)
La prima variante per eccellenza sono le Rollercoaster; nel post dedicato ai Lunghi variati, le abbiamo definite Lunghi con saliscendi finali. Si tratta di correre la parte finale di Lunghi (non troppo impegnativi) ad intensità fisiologica di corsa media, ma su dei circuiti o dei tratti di saliscendi, in maniera che ad ogni cambio di pendenza vengano particolarmente  sollecitate le qualità neuromuscolari in condizione di fatica.
Per rendere invece meno impegnativo questo mezzo allenante (quando non si è ancora in forma o non si è ancora in grado di fare un Progressivo standard) è possibile:


·                Effettuarlo in maniera piramidale, correndo la progressione nella parte centrale della seduta e non quella finale. Potete leggere la descrizione originale di questo mezzo nell’articolo che ho scritto per il sito it. Com’è possibile vedere nella figura a fianco si dividere l’allenamento in 5 step: lo step 1-5 sono di CL, gli step 2-4 di CM e lo step 3 di Corto Veloce.
·                TRIS di Massini: è un mezzo allenante veramente interessante ideato da Fulvio Massini, uno degli allenatori più preparati in Italia. La versione di base consiste nel correre 3 volte (senza soluzione di continuità) “12’ di CL + 6’ di CM + 2’ di CV”. Fondamentalmente in questo allenamento ci sono 3 progressivi (senza interruzioni) di 20’ ciascuno; per incrementarne le difficoltà, è possibile aumentare le porzioni di CM/CV o effettuare 4 tratti. Potete vedere una descrizione più dettagliata nel testo scritto proprio da Fulvio “Andiamo a correre”.
Per lavorare maggiormente sulla velocità di gara (per chi prepara distanze di 10 Km), è possibile utilizzare la stessa variante sopra di Massini, ma effettuare delle miniprogressioni di 10’ (anziché di 20’) con la parte finale al ritmo dei 10000m; ad esempio 5 x 10’ (4’ di CL + 4’ di CM + 2’ di RG10Km).

CONCLUSIONI

Spero con questo post di aver chiarito l’importanza del progressivo, ed in particolar modo l’efficacia allenante del correre in finale di allenamento a ritmo gara in condizioni di fatica. Ovviamente non è un allenamento completo, ma proprio per questo, permette di essere recuperato in un tempo accettabile per poterlo inserire (senza troppi giorni di intervallo) nel proprio programma di allenamento. Ovviamente se alla fine di un Progressivo non si riesce a correre alla velocità prestabilita non è un problema, in quanto lo stimolo allenante è dato dalla ricerca del mantenimento del ritmo (nonostante la fatica), più che dal ritmo stesso. Ai link sotto, potete trovare le pagine dedicate alla preparazione delle singole discipline: